Tilde made easy on Windows

For one reason or another, real men need to type the tilde character quite often.

On Windows, the corresponding Alt code is 126, which is such a pain in the ass to type, especially if you are using a laptop without a separate numeric keypad (very likely).

On Linux, the Italian keyboard shortcut for the tilde character is very straightforward: Alt Gr + ì.

To replicate this behavior on Windows, install AutoHotkey and save the following script as tilde.ahk in your startup menu folder.

<^>!ì::~
#c::Run,https://www.clipperz.com
#s::Run,%A_ProgramFiles%\RStudio\bin\RStudio.exe

Run it, or wait for next reboot. Done.

For more information about AutoHotkey, see Turn Any Action Into a Keyboard Shortcut: A Beginner’s Guide to AutoHotkey by Adam Pash.

Actually, my script includes two extra shorcuts, pointing to the only website and the only program I can’t really do without, just to show some other useful AutoHotkey features.

The Windows + c shortcut launches Clipperz, the host-proof online password manager priced in cryptocurrency. Gotta love paranoia.

Windows + s, instead, is a shortcut to the RStudio executable, a powerful IDE for R, my own macho reason for the tilde shortage.

Speculatori

- “Nonno, tu ti sei trasferito qui nel ’72, giusto?”
– “Sissignore, nel millenovecentosettantadue. Mi passi l’acqua, per favore?”
– “Prego, tieni. E hai comprato casa in quell’anno?”
– “Certamente. Mettici il formaggio, non è buona senza.”
– “Non mi piace il parmigiano sugli asparagi. Con mutuo a tasso fisso?”
– “Per forza. Moglie, prepari sempre troppa roba.”
– “Complimenti, bel colpo. Che modello econometrico hai utilizzato?”
– “Modello econometrico?”
– “Classica ironia del fondamentalista puro. Evidentemente hai ragione tu, certo però che il timing è stato perfetto.”
– “Maria, cos’è che dice?”

BTC Currency Options

Exotic options are financial derivatives different from commonly traded products. Usually, they are more complex than vanilla options because of particular and unusual contractual arrangements. BTC currency options, instead, could be classified as exotic because of the singular nature of the underlying assets.

BTC currency options are derivatives of the exchange rates between P2P cryptocurrencies and “traditional” currencies. BTC stands for Bitcoin, the first and most widely used P2P cryptocurrency. The critical difference with “traditional” currencies is that P2P cryptocurrencies do not rely on social institutions: their monetary system is “regulated” automatically by cryptographic algorithms and peer-to-peer technology.

As a consequence, Bitcoin transactions are very cheap and potentially anonymous, untraceable, and non-taxable. The floating exchange rate between Bitcoin and “traditional” currencies is influenced not only by the “traditional” variables of exchange rate theory, but also by the preferences of market participants for these unique set of features.

This must be taken into account for the pricing of BTC currency options, together with the high volatility of the underlying exchange rates, probably due to the relatively low trading volumes. #bitcoin-otc offers a very informal platform for the OTC trading of BTC currency options.

Links

  • Duncan Geere, Peer-to-peer currency Bitcoin sidesteps financial institutions, “Wired UK”, 05/16/2011, bit.ly/VTDdAW
  • #bitcoin-otc, bit.ly/SCeO2e

Recent economic history of Slovenia

Slovenia, the most productive republic of the former Yugoslavia, became an independent state in 1991; it comprised only one-thirteenth of Yugoslavia’s total population, but accounted for one-fifth of total GDP and one-third of total exports.

The Slovenian economy ranks among the top performing in central and eastern Europe (GDP per capita in 2009: $23,800; GDP per capita at PPP in 2009: $28,400), even if it has been severely hurt by the late 2000s international financial crisis and European sovereign debt crisis.

The country has a well-educated workforce, excellent infrastructure, a strategic location at a major transport crossroad between the Balkans and Western Europe, and stable political and economic institutions.

Even before 1991, the year of independence, the Slovenian economy was relatively prosperous and benefited from strong market ties to the West. Since that time, the country has taken a cautious approach to economic management and reform.

In particular, the country’s anti-inflationary stance relied on capital inflow restrictions and the privatization process was heavily regulated, favoring insider purchases and prescribing long lag time on share trading. The overall record is one of relative success, with a steady progress toward developing a market economy.

In 2004, Slovenia became a member state of the European Union and was the first among the 2004 entrants to replace its own currency (the tolar) with the euro.

Slovenia’s economic growth is highly dependent on export-driven growth of manufacturing output. In fact, although the major contribution to GDP comes from the service sector (as in most modern economies), manufacturing accounts for most employment and exports. Traditional primary industries’ shares of output and employment are comparatively low.

In 2010, the main items composing the Slovenian export basket were motor vehicles, electric and electronic equipment, equipment and machinery, pharmaceuticals, and fuels. In the same year, all the leading export markets were European: Germany, Italy, Austria, France, and Croatia.

The high degree of openness to international trade makes Slovenia extremely sensitive to the state of the world economy, and especially to the economic conditions in its European trading partners. As another consequence, labor costs must be attentively kept in line with productivity levels if the country aims at maintaining and, possibly, increasing its market share of global exports.

From 2004 to 2007, financial debt fueled a growth surge in the private sector, especially in construction. In 2009, and again in 2011, the sharp contraction of the economy severely hit the construction industry and the financial sector.

In addition to bank deleveraging and drop in domestic investment, Slovenia faces a high deficit in pension accounts and suffers competition in Western markets from China, India, and elsewhere. Taxes are relatively high (44.6% of GDP in 2011) and the labor market is often seen as too rigid. Public debt increased from 33.4% of GDP in 2010 to 41.9% of GDP in 2011. (The actual figures are disputed because of lack of transparency in public finance.)

In August 2012, Moody’s, Standard & Poor’s, and Finch, the three major credit rating agencies in the United States, have each downgraded Slovenian sovereign debt.

Sources: globalEDGE, Embassy of the Republic of Slovenia in Vienna, Slovenian Press Agency, The Economist, The Slovenia Times, The World Factbook.

SugarCRM vs. Salesforce.com

Funzionalità CRM indispensabili

Le soluzioni CRM disponibili sul mercato tentano di differenziarsi le une dalle altre aggiungendo continuamente nuove funzionalità, ma la scelta del prodotto più adatto alle esigenze aziendali deve concentrarsi sulle caratteristiche fondamentali a maggiore impatto operativo. Per soddisfare i bisogni dei moderni processi di vendita, un software CRM deve offrire:

  • semplicità d’uso e facilità d’integrazione con altre applicazioni;

  • accesso remoto e, in particolare, accesso mobile;

  • metriche per il marketing e le vendite;

  • gestione delle campagne di marketing e delle liste di contatti;

  • flessibilità nella personalizzazione delle funzionalità, dei campi e dell’interfaccia;

  • generazione e tracking dei lead.

Lo stato dell’arte: Salesforce.com

Salesforce.com è l’azienda leader del cloud computing aziendale a livello mondiale, quotata al New York Stock Exchange con il simbolo CRM. Dal 2008, in seguito alla nazionalizzazione di Fannie Mae e Freddie Mac, Salesforce.com è stato inclusa nell’indice S&P 500.

Tra i suoi 100.000 e più clienti Salesforce.com annovera sia giovani startup sia aziende Fortune 100.

Senza nemmeno addentrarci in dettagli tecnici (cosa che però faremo a breve), la sola reputazione di Salesforce.com sembrerebbe garantire che si tratti della soluzione CRM ideale. Prezzi permettendo.

L’alternativa: SugarCRM

SugarCRM indica sia un software CRM, disponibile non solo in versione commerciale ma anche gratuita, sia l’azienda che lo sviluppa, fondata nel 2004 e con più di 350 dipendenti nel mondo.

Come Salesforce.com, SugarCRM offre tutte le funzionalità di base richieste a un software CRM moderno:

  • accesso remoto e mobile;

  • generazione dei lead;

  • organizzazione dei contatti;

  • gestione delle opportunità;

  • gestione delle richieste di supporto dei clienti;

  • funzionalità integrate di agenda (mansioni, telefonate, riunioni, etc.), bacheca, reportistica e mailing;

  • definizione di differenti livelli di accesso e metriche per le funzionalità sopraelencate.

Tuttavia, mentre l’intera piattaforma Salesforce.com costituisce un sistema chiuso basato su tecnologie proprietarie, SugarCRM è un software open source sviluppato con tecnologie standard e aperte. I vantaggi tecnici ed economici sono molteplici.

Costi

Piano

SugarCRM

Salesforce.com

Community / Group

$0 / utente / mese

€27 / utente / mese

Professional

$30 / utente / mese

€70 / utente / mese

Corporate

$45 / utente / mese

€135 / utente / mese

Ultimate / Unlimited

$100 / utente / mese

€270 / utente / mese

Qualora la rete di vendita aziendale sia molto ampia, soluzioni basate sulla versione Community di SugarCRM potrebbero essere molto convenienti, ma non bisogna trascurare i costi di manutenzione di un’installazione in proprio, la cui stima richiede un’attenta valutazione delle risorse e delle competenze informatiche internamente disponibili.

Flessibilità

A differenza di Salesforce.com, SugarCRM non pone limiti all’integrazione con altre applicazioni e alla personalizzazione delle funzionalità, dei campi e dell’interfaccia.

SugarCRM, oltre a essere disponibile on demand come Salesforce.com, è installabile sui propri server, Microsoft o LAMP ad esempio, o su server cloud, come Amazon EC2 e Windows Azure.

Conclusioni

Prima di investire in una soluzione CRM sicuramente valida ma economicamente impegnativa come Salesforce.com, vale la pena verificare se SugarCRM non possa rappresentare uno strumento valido per la propria area marketing.

Non sarà celebre come Salesforce.com, ma anch’esso è utilizzato con successo da aziende di grandi dimensioni. In fondo, provare la versione Community di SugarCRM non costa nulla.

Link utili

SugarCRM vs. Salesforce.com – Consider the facts when choosing the right CRM solution for your organization, bit.ly/TzwyKq [PDF]

info coreutils /toolbox “Toolbox introduction”

The software tools philosophy was an important and integral concept in the initial design and development of Unix (of which Linux and GNU are essentially clones).

Many people carry a Swiss Army knife around in their pants pockets (or purse). A Swiss Army knife is a handy tool to have: it has several knife blades, a screwdriver, tweezers, toothpick, nail file, corkscrew, and perhaps a number of other things on it. For the everyday, small miscellaneous jobs where you need a simple, general purpose tool, it’s just the thing.

On the other hand, an experienced carpenter doesn’t build a house using a Swiss Army knife. Instead, he has a toolbox chock full of specialized tools—a saw, a hammer, a screwdriver, a plane, and so on. And he knows exactly when and where to use each tool; you won’t catch him hammering nails with the handle of his screwdriver.

The Unix developers at Bell Labs were all professional programmers and trained computer scientists. They had found that while a one-size-fits-all program might appeal because there’s only one program to use, in practice such programs are

  • difficult to write,
  • difficult to maintain and debug, and
  • difficult to extend to meet new situations.

Instead, they felt that programs should be specialized tools. In short, each program “should do one thing well.” No more and no less. Such programs are simpler to design, write, and get right—they only do one thing.

Furthermore, they found that with the right machinery for hooking programs together, that the whole was greater than the sum of the parts. By combining several special purpose programs, you could accomplish a specific task that none of the programs was designed for, and accomplish it much more quickly and easily than if you had to write a special purpose program.

In gita sui Monti Sibillini

Un fine settimana d’estate sulle montagne marchigiane

Tre amici decidono di trascorrere un weekend estivo diverso dal solito, lontano dal bel mare portorecanatese, e di raccontarvelo.

Partiti nel tardo pomeriggio da Loreto, dopo un’ora e mezzo di viaggio arriviamo a Pintura di Bolognola (1380 metri), la nostra località di soggiorno, presso il rifugio e albergo “La Capanna”.

Pintura di Bolognola

Pintura di Bolognola

Dopo aver cenato ci ritiriamo in camera e programmiamo un’escursione sulla Forcella del Fargno per il giorno successivo. La mattina seguente, tuttavia, la pioggia non ci consente di intraprendere la camminata.

Decidiamo allora di scendere a Sarnano per visitare la mostra sul pittore veneziano Vittore Crivelli (1440-1501/1502) a Palazzo del Popolo. Attiva dal 21 maggio al 6 novembre 2011, la mostra ambisce a offrire una prospettiva originale sul patrimonio artistico della fascia montana delle Marche centromeridionali.

Oltre alle opere di Vittore Crivelli e del più noto fratello Carlo, sono infatti esposte pitture e sculture di altri artisti attivi nei centri più interni delle Marche nella seconda metà del XV secolo, per esplorare il Rinascimento dell’Appennino.

Questo nuovo concetto storico-artistico vuole indicare un Rinascimento di carattere locale, diverso e autonomo dalla più famosa produzione toscana e veneta dell’epoca, legato al gusto per i materiali, l’oro in particolare, e all’ostentazione della ricchezza e dell’eleganza formale.

All’ingresso veniamo informati che il biglietto della mostra permette di visitare anche la pinacoteca comunale, oltre che ottenere tariffe ridotte presso le sedi museali convenzionate dell’Abbadia di Fiastra, Caldarola, Castelraimondo, Falerone, Matelica, Monte Rinaldo, Tolentino, Urbisaglia e Visso.

Alla pinacoteca civica rimaniamo affascinati da due collezioni in mostra al primo piano. Una è dedicata ad armi da fuoco, elmetti e attrezzatura bellica di interesse storico, l’altra a uno strumento di lavoro apparentemente semplice: il martello. Nelle teche di una piccola sala sono esposte decine di martelli di ogni dimensione per altrettanti mestieri, dal martelletto del neurologo al mazzuolo da falegname.

A fine mattinata da Sarnano partiamo alla volta di Fiastra. Alla Casa del Parco, uno dei centri visita dislocati in tutto il territorio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, le guide ci consigliano di pranzare al “Rifugio del Tribbio”.

Souvenir della Casa del Parco

Souvenir della Casa del Parco

Al rifugio veniamo accolti dalla gentile cuoca e proprietaria. L’ambiente e la cucina, tipicamente marchigiana, sono molto gradevoli. Tra le pietanze gustate meritano di essere menzionati i primi piatti, tagliatelle al tartufo e pappardelle ai funghi, e i contorni, zucchine alle erbe aromatiche e melanzane e cipolle in agrodolce.

Mangiata anche una fetta di soffice ciambellone, salutiamo la signora e, usciti dal rifugio, notiamo i romantici ruderi del Castello Magalotti. Il castello era situato sopra un colle, circondato da possenti mura che inglobavano la chiesa benedettina di S. Paolo, in stile puramente romanico.

Ruderi del Castello Magalotti

Ruderi del Castello Magalotti

Ruderi del Castello Magalotti

Ruderi del Castello Magalotti

Il colle offre una splendida panoramica dell’intero lago di Fiastra, di cui raggiungiamo le rive a San Lorenzo al Lago per passeggiare un po’ e scattare qualche fotografia prima di ritornare a Pintura di Bolognola.

Lago di Fiastra

Lago di Fiastra

Lago di Fiastra

Lago di Fiastra

Nel pomeriggio i nostri programmi sono nuovamente bloccati dalla pioggia. Le ore trascorrono tra cioccolate calde fuori stagione, giochi di carte e lettura di libri e quotidiani disponibili presso il rifugio.

Verso sera, terminato l’acquazzone, effettuiamo un’escursione nei dintorni del rifugio, senza allontanarci troppo per paura del cattivo tempo. La strada è spesso occupata da bellissimi e imponenti tori, vacche e vitelli di razza marchigiana. Lungo il cammino incontriamo il pastore del luogo, che per il giorno successivo ci consiglia di raggiungere il rifugio del Fargno e da lì Pizzo Tre Vescovi, meteo permettendo…

Allattamento di un vitello

Allattamento di un vitello

Vitello di razza marchigiana

Vitello di razza marchigiana

Dopo la cena in albergo a base di ottimo spezzatino di cinghiale, andiamo a dormire sperando in una bella giornata. La mattina seguente i nostri desideri sembrano esauditi e, dunque, zaino in spalla, ci incamminiamo verso la Forcella della Fargno.

La salita è abbastanza impegnativa: il percorso è lungo circa 6 chilometri e il dislivello è di circa 400 metri, con una fonte d’acqua situata a metà cammino. Volendo è però possibile percorrere abbastanza agevolmente la strada sterrata in automobile o motocicletta.

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Paesaggio lungo il sentiero verso il Rifugio del Fargno

Dopo due ore e un quarto di cammino, alle undici e tre quarti circa, raggiungiamo finalmente il rifugio del Fargno, dove ci riposiamo brevemente assaggiando un dolcetto alle mandorle prima di salire ulteriormente sul Pizzo Tre Vescovi.

Rifugio del Fargno

Rifugio del Fargno

Nonostante i nuvoloni in avvicinamento decidiamo di girare tutt’intorno la punta prima di pranzare al rifugio. Il paesaggio è veramente mozzafiato e fotografiamo bellissimi fiori, ma a metà percorso siamo colti nuovamente alla sprovvista dalla pioggia. Pur con qualche difficoltà, affrettiamo il passo e riusciamo a raggiungere il rifugio.

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Fiori lungo il sentiero per Pizzo Tre Vescovi

Ritorno al rifugio del Fargno

Ritorno al rifugio del Fargno

Il pranzo è decisamente invernale: lenticchie e polenta alla salsiccia, senza lesinare su vino rosso e caffè per contrastare il freddo. Dopo aver sostato un po’ al rifugio, i due più coraggiosi del gruppo, tra cui il sottoscritto, affrontano vento e pioggia ritornando a piedi a Pintura di Bolognola, mentre il terzo compagno, meno intrepido ma più socievole, riesce a strappare un passaggio a delle compagne universitarie incontrate per caso.

Giunti finalmente al nostro albergo ci asciughiamo e cambiamo i vestiti bagnati. Prima di ripartire alla volta di Loreto, compriamo una forma di formaggio, tanto stagionato quanto dolce, prodotta dal cuoco con il latte del pastore che avevamo conosciuto il giorno prima.

Pecorino dei Monti Sibillini

Pecorino dei Monti Sibillini

Pian piano la pioggia comincia a diminuire d’intensità e il sole spunta lungo la via del ritorno dalla nostra piacevole gita estiva in montagna. Speriamo che il racconto del viaggio, di cui conserveremo sempre un bel ricordo, vi abbia divertito e invogliato a visitare i nostri bei Monti Sibillini.